circolare mensile per l’impresa

News fiscali Novembre 2020

Informative e news per la clientela (estratto)

Le news di novembre
In gazzetta il D.L. Ristori
Gli acconti di imposta per il 2020
Saldo Imu 2020
Entro il 30 novembre possibile la “remissione in bonis” per gli adempimenti dimenticati
Proroga della sospensione dei pagamenti agli agenti della riscossione
fino al 31 dicembre 2020
Superbonus 110%: operativa la piattaforma per l’opzione dello sconto in fattura o
della cessione del credito
Credito d’imposta beni strumentali: sono integrabili le indicazioni in fattura

DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Adeguato il tracciato del Sistema Tessera Sanitaria per la trasmissione delle spese mediche veterinarie

Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2020 coloro che devono inviare i dati al STS effettuano la trasmissione delle informazioni compresa la modalità di pagamento delle spese sanitarie, obbligatoria per tutti i documenti sanitari che non risultino nelle casistiche di esclusione. Le spese sostenute nel 2020 vanno inoltrate entro gennaio 2021, mentre quelle effettuate dal 1° gennaio 2021 devono essere comunicate entro la fine del mese successivo alla data del documento fiscale. Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2021 gli stessi soggetti devono inviare i dati al Sistema Tessera Sanitaria indicando anche;
• il tipo di documento fiscale;
• l’aliquota o la “natura” Iva dell’operazione (ad esempio esente);
• l’indicazione dell’esercizio dell’opposizione da parte del cittadino alla messa a disposizione dei dati all’Agenzia delle entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata. I dati, aggregati per tipologia, riguardanti le spese sanitarie e veterinarie sostenute a partire dal 1° gennaio 2020, purché effettuati mediante mezzi di pagamento tracciabili, sono messi a disposizione dell’Agenzia delle entrate per la compilazione della dichiarazione dei redditi precompilata.   (Ministero dell’economia e delle finanze, decreto 19/10/2020, G.U. n. 270 del 29/10/2020)

SPLIT PAYMENT

Pubblicati gli elenchi validi per il 2021 dei soggetti tenuti all’applicazione dell’articolo 17-ter, D.P.R. 633/1972

Sono stati pubblicati gli elenchi validi per il 2021 delle società controllate e quotate soggette alla disciplina iva dello split payment. Il Dipartimento delle Finanze ricorda che negli elenchi non sono incluse le pubbliche amministrazioni tenute all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti, per le quali occorre fare riferimento all’elenco pubblicato sul sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (disponibile al link www.indicepa.gov.it). Il ministero segnala che, con l’eccezione delle società quotate sul Ftse Mib della Borsa italiana, i soggetti interessati possono segnalare eventuali mancate o errate inclusioni utilizzando il modulo di richiesta pubblicato sul portale.       (Ministero dell’economia e delle finanze, comunicato, 20/10/2020)

RATING LEGALITA’

Dal 20 ottobre 2020 è entrato in vigore il nuovo regolamento attuativo

Il WebRating è lo strumento che consente alle imprese di comunicare all’AGCM tutti i dati necessari per ottenere il rating (piattaforma disponibile al link https://www.agcm.it/servizi/webrating). Per presentare le richieste di attribuzione e rinnovo del rating di legalità è indispensabile avere a disposizione un indirizzo di posta elettronica certificata e il dispositivo di firma digitale del rappresentante legale dell’impresa. Tra le modifiche approvate dal nuovo regolamento c’è l’estensione dell’ambito applicativo dell’istituto anche ai soggetti iscritti soltanto al REA e la rilevanza ai fini dell’attribuzione del rating degli amministratori della società controllante o dell’ente che esercita attività di direzione e coordinamento.

                                                                         (Autorità garante della concorrenza e del mercato, delibera n. 28361 del 28/07/2020, G.U. n. 259 del 19/10/2020)

ORGANI DI CONTROLLO

Possibile la revoca della nomina avvenuta entro l’approvazione del bilancio 2019?
La nomina dell’organo di controllo a seguito del superamento dei limiti ai sensi dell’articolo 2477, cod. civ. viene differita dall’articolo 51-bis, D.L. 34/2020 al termine di approvazione del bilancio dell’esercizio 2021. In dottrina si è sviluppato un dibattito sulla sorte degli organi di controllo nominati entro il 28 giugno 2020 (termine di approvazione dei bilanci dell’esercizio 2019), essendo stata la normativa inerente la proroga del termine per la nomina pubblicata in Gazzetta ufficiale successivamente. L’Interrogazione parlamentare chiarisce che chi non ha provveduto ad adeguarsi entro il 28 giugno 2020 è da considerarsi rimesso in termini. Avere, invece, provveduto anticipatamente in linea con la disposizione normativa previgente non sembra possa interpretarsi come fattispecie che fa venire meno l’obbligo medio tempore. Sul tema è stato pubblicato anche il documento di ricerca della Fondazione nazionale dei commercialisti del 15 ottobre 2020.                                                                           (Ministero dell’economia e delle finanze, risposta a interrogazione parlamentare n.n3-01842, 15/10/2020)

 

SPESE SANITARIE

Detraibile la spesa pagata con carta di credito o debito del familiare

L’Agenzia delle entrate ha chiarito che il pagamento della spesa sanitaria con la carta di credito o debito del familiare rispetta il requisito della tracciabilità e, pertanto, l’intestatario del documento di spesa può portare in detrazione la stessa. È indispensabile, comunque, che l’onere sia stato sostenuto ed effettivamente rimasto a carico del contribuente e la prova di tale presupposto è data dalla fattura (ricevuta o documento commerciale) intestata al contribuente che detrae la spesa. Fanno eccezione a tale regola e possono essere pagati in contanti, senza perdere il diritto alla detrazione, l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici e le prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o dalle strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.                                                                                                                                                                               (Agenzia delle entrate, risposta a interpello n. 484, 19/10/2020)

 

CENTRALE RISCHI

Aggiornamento della guida pubblicata sul sito della Banca d’Italia

La Centrale dei Rischi (CR) è una banca dati sui debiti delle famiglie e delle imprese verso il sistema bancario e finanziario. Banche, società finanziarie ed altri intermediari che concedono finanziamenti e garanzie o ricevono garanzie sono tenuti per legge a partecipare alla CR con l’invio di informazioni mensili. Nella guida aggiornata disponibile al link https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/guide-bi/guida-centrale/guida-centrale-rischi.pdf sono presenti la tipologia di informazioni che devono essere dichiarate alla CR, con alcune domande e risposte che chiariscono alcuni aspetti operativi, e le modalità con cui si possono compilare i moduli disponibili e inviare per posta o via pec a una filiale della Banca d’Italia per avere accesso ai dati stessi.                                                          (Banca d’Italia, guida La Centrale dei Rischi in parole semplici, ottobre 2020)

 

CONTRIBUTO AGENZIE DI VIAGGIO

Assegnazione di un contributo per il ristoro di agenzie di viaggio e tour operator

In attuazione del D.M. 12 agosto 2020 possono accedere al fondo previsto dall’articolo 182, D.L.  34/2020 gli esercenti attività di impresa con attività prevalente identificata dai codici Ateco 79.11 o 79.12. L’ammontare del contributo è determinato mediante l’applicazione di una percentuale alla differenza tra l’ammontare dei ricavi conseguiti tra il 23 febbraio e il 31 luglio 2020 e quelli conseguiti nello stesso arco temporale relativo al 2019. L’istanza telematica va presentata mediante la piattaforma disponibile al link https://sportelloincentivi.beniculturali.it/ entro le ore 17.00 del 9 ottobre 2020.                                                                                                                                                                                          (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, avviso, 15/09/2020